AL CANTINON 



Risultato di un’attenta opera di ristrutturazione di una vecchia casa colonica circondata da vigneti della zona tipica dei vini D.O.C. del Lison-Pramaggiore, l’agriturismo offre sia alloggio che ristorazione. Dispone di sei camere con bagno, arredate in maniera confortevole e tipica del primo Novecento.
La cucina è quella tradizionale veneta fatta di cibi semplici, sani e genuini, con pollame, bovini e ortaggi di propria produzione.
Si possono degustare gli ottimi vini da agricoltura biologica ottenuti esclusivamente dalla migliore selezione di uve di propria produzione. L’azienda ha un bel portico fresco e ventilato che d’estate viene utilizzato per piacevoli cene e pranzi all’aperto e dispone di un piccolo parco 
giochi e di biciclette.

 

 

Az. Agr. Mazzarotto G. & Giro D. s.s.Agr.
Via Pordenone 2 - San Stino di Livenza
loc. Corbolone  - tel/fax 0421.310211
azienda@dialma.com

Pasta e fagioli 

Ingredienti:
250 gr.di fagioli secchi, ½ lt.di brodo 
vegetale o di carne, 100 gr.pancetta, cannella in polvere, ½ bicchiere di olio extravergine di oliva, sale e pepe, 1 cipolla, 2 spicchi aglio, 1 carota, 1 gambo di sedano, 100 gr.pomodori pelati 200 gr. di pasta (meglio se maltagliati)

Preparazione:
Mettere i fagioli in ammollo con 
una cipolla almeno 12 ore. Versare in pentola ¾ dell’olio, un trito di cipolla, aglio, sedano e carota. Lasciare imbiondire e aggiungere i pomodori pelati a tocchetti; quando i pomodori si sono spappolati, aggiungere 1 o 2 mestoli di brodo da far asciugare. Mentre il soffritto cuoce, porre in un tegame la pancetta a dadini o listerelle, farla soffriggere nel suo grasso, poi aggiungere i fagioli da lasciar insaporire per qualche minuto; unire quindi un paio di mestoli di brodo che deve essere assorbito dai fagioli. A questo punto aggiungere i fagioli con la pancetta al soffritto e cuocerli assieme per qualche minuto. Aggiungere la cannella. Lessare la pasta in acqua salata e, a metà cottura, unirla alla minestra di fagioli preparata. Ultimare la cottura della pasta e fagioli aggiungendo qualche mestolo di acqua di cottura o di brodo.

© Gli Agriturismi delle Terre Veneziane